Bloody money. Ecoballe, fanghi tossici e rifiuti: “summit” tra Melillo e Cantone

23 Febbraio 2018 Author :  

NAPOLI. Da una parte i magistrati e dall’altra gli “007” dell’anticorruzione. Al centro la Sma, gli affari milionari, le gare assegnate, quelle ancora da bandire, quelle invece “regalate” con l’affidamento diretto. C’è stato per questo un “summit” tra il procuratore di Napoli, Giovanni Melillo e il presidente dell’Anac, Raffaele Cantone durato oltre un’ora negli uffici all’ottavo piano della Procura di Napoli al Centro direzionale di Napoli. Uno scambio di informazioni tra i due Uffici sugli appalti per lo smaltimento dei rifiuti in Campania, anche sulla scorta delle rivelazioni e dell’inchiesta giornalistica di Fanpage, la testata on line che da una settimana sta raccontando degli affari che si celano (ma questa è cosa ormai nota) dietro lo smaltimento dei rifiuti. La necessità dell’incontro tra Melillo e Cantone, a quanto si apprende, è dettata dall’incombenza di ottenere diverse informazioni in merito ad appalti che sono stati assegnati e sui quali l’Anac ha tenuto attività istruttorie nei mesi passati.

La gestione della Sma

L’autorità anticorruzione lo scorso anno ha trasmesso ai magistrati partenopei atti sulla gestione della Sma Campania, la società in house della Regione finita al centro dello scandalo dell’inchiesta di Fanpage che ha portato già alle dimissione del presidente Biagio Iacolare e del presidente del consiglio d’amministrazione Lorenzo Di Domenico, che compaiono entrambi a contrattare con Nunzio Perrella, l’ex boss pentito, e agente provocatore. Gli atti che l’Anac aveva trasmesso in Procura riguardavano appalti per lo smaltimento di rifiuti: sia gare che affidamenti diretti in stato d’emergenza. L’autorità presieduta da Raffaele Cantone metterà a disposizione degli magistrati della procura di Napoli il proprio bagaglio di conoscenze in tema sugli appalti sui rifiuti. Il bando relativo all'affidamento del servizio di smaltimento fanghi, vaglio e sabbie prodotti da 4 impianti di depurazione gestiti dalla Sma Campania «è stato pubblicato secondo le normative vigenti». Così in una nota la Sma Campania risponde ai rilievi del Movimento 5 Stelle in relazione a un bando pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Campania tre giorni fa. Il bando, spiega Sma Campania, «è stato trasmesso in data 2 febbraio 2018 a tutti i soggetti che per legge ne devono curare la pubblicazione: Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 7 febbraio, Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana del 7 febbraio e sito del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti in data 7 febbraio».

I dettagli sul bando

Inoltre compare sul «sito istituzionale di Sma Campania il 7 febbraio nell’apposita sezione “Bandi e avvisi” , dove è ancora presente e visualizzabile insieme a tutta la documentazione di gara messa a disposizione degli operatori economici» e «veniva pubblicato, tramite concessionario al quale era stato parimenti trasmesso in data 2 febbraio 2018, su due quotidiani nazionali e due organi di stampa locali . Appare dunque evidente di aver ottemperato a tutti gli obblighi di legge in materia di trasparenza e pubblicità». Riguardo la pubblicazione sul Burc, sottolinea Sma Campania, «il bando è stato trasmesso, pur in assenza di una specifica previsione in base alla richiamata normativa, all’ente il 7 febbraio a mezzo Pec e a mezzo raccomandata urgente. 0La scelta di ricorrere alla cosiddetta procedura accelerata è motivata proprio dall’esigenza di avviare il prima possibile una procedura di gara aperta europea ad evidenza pubblica, tenuto conto che i contratti per l’espletamento del servizio in questione sono terminati il 31 dicembre 2017». All’epoca della pubblicazione del bando, prosegue la nota, «il titolare della rappresentanza legale era Lorenzo Di Domenico».  

Punto Vesuviani News

PuntoVesuvianiNews è un giornale online che si occupa del territorio tra Napoli, l'area Napoli Nord e i Vesuviani. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178