Acerra. Raid nella sala dei Testimoni di Geova, paura e saccheggio

07 Marzo 2018 Author :  

ACERRA. Assalto a mano armata nella sala dei Testimoni di Geova. A mettere a segno il colpo, sono stati tre rapinatori senza scrupoli, giunti sul posto a bordo di una utilitaria di colore grigio. Uno dei banditi ha agito a volto scoperto, mentre i suoi complici avevano il volto travisato da sciarpa e cappello. Una volta dentro il luogo di culto, i banditi hanno fatto stendere a terra i presenti, impossessandosi di tutti gli oggetti di valori che i presenti avevano indosso. Scattato l’allarme, sul posto sono giunti i carabinieri della stazione di Acerra, agli ordini del luogotenente Vincenzo Vacchiano. Il colpo sembra essere stato studiato nei minimi particolari dai tre rapinatori, che hanno agito con la consapevolezza di trovarsi la strada libera, visto che la quasi totalità delle forze dell’ordine si trovavano a ridosso della centralissima piazza del Castello, dove il candidato premier pentastellato Luigi Di Maio, stava concludendo il suo discorso di ringraziamento. Le vittime hanno poi raggiunto la caserma dei carabinieri per formalizzare la denuncia e cercare di fornire agli investigatori dell’Arma impegnati nelle indagini, elementi utili al rintraccio della banda, che sembra operare sempre con la stessa determinazione e violenza. Subito dopo il colpo i tre malviventi si sono allontanati raggiungendo a folle velocità Corso Italia. Non è da escludere che i rapinatori si siano diretti verso Caivano o Afragola.

 Il caso

Le vittime, giovani e meno giovani, sono rimaste tutte sotto choc. Erano da poco passate le 19, quando nel locale che ospita la sala dei Testimoni di Geova - ubicata alla via Marconi, alle spalle del rione Ice Snei - mentre era in corso la riunione di preghiera - entrano armi in pugno tre persone. Due di questi avevano il viso travisato da sciarpe e cappellino mentre un terzo uomo, più grande dei suoi complici e di corporatura più robusta aveva il viso scoperto. Non c’è stato bisogno di parole per comprendere le intenzioni dei banditi, che mettendo bene in mostra le armi hanno costretto i presenti a stendersi a terra. Tutto è durato una manciata di minuti, nel corso dei quali ci sono stati momenti di grossa tensione. Alla fine sono stati portati via portafogli e borse e anche qualche catenina d’oro. Alla fine, i tre sono indietreggiati continuando a minacciare le persone presenti di non muoversi per evitare che potesse succedergli qualcosa. Trascorso qualche istante, lentamente i presenti si sono affacciati all’uscio della sala di preghiera, riuscendo a vedere i banditi mentre fuggivano percorrendo via Nobile per raggiungere corso Italia, portandosi indietro il bottino razziato nel luogo di culto.  

Punto Vesuviani News

PuntoVesuvianiNews è un giornale online che si occupa del territorio tra Napoli, l'area Napoli Nord e i Vesuviani. 

CONTATTACI: 

redazione@puntoagronews.it

Via Nazionale, 84018 - Scafati

Tel. 3285848178